Castello

Cagliari: il quartiere di Castello visto dal colle di BonariaIl perimetro del quartiere di Castello, situato su un colle calcareo al centro della città di Cagliari, si snoda fra la via Manno, il Viale Regina Elena, il Viale Buoncammino, la Via Porcell e la via Santa Margherita.

Le facciate dei vecchi palazzi di Castello
La cattedrale di Cagliari vista dal Terrapieno
Panorama sul quartiere di Castello e sul Golfo di Cagliari dalla via Fiume: in primo piano la cupoletta orientaleggiante della Basilica di Santa Croce (foto: Francesca Vacca)
Cagliari, quartiere di Castello: la torre di San Pancrazio vista dal Terrapieno (foto: Francesca Vacca)
Cagliari: panorama del quartiere di Castello da Stampace (foto: Francesca Vacca)
Scorcio sulla Torre di San Pancrazio (foto: Francesca Vacca)

Da sempre Castello è stato il quartiere fortificato di Cagliari, sede delle amministrazioni cittadine e dei vari viceré succedutisi a Palazzo Viceregio. I suoi veraci abitanti (ormai rarissimi) parlano un sardo con un accento ed un frasario differente da quello degli altri cagliaritani.

Un tempo (per molti secoli, più di sei) a Castello non abitavano cittadini di Cagliari ma solo le famiglie della nobiltà provenienti da altre terre (Pisani, Genovesi, Spagnoli, Austriaci, Piemontesi) che si succedevano nel dominio della città e dell’isola. All’imbrunire suonavano i corni dalle torri fortificate e tutti i sardi presenti in Castello dovevano avviarsi alle porte fortificate per uscire dal quartiere. Ancora oggi in sardo esiste il modo di dire "Mi hanno mandato via al suono del corno".

Il quartiere di Castello, che per tanti secoli è stato il centro amministrativo e il "cuore nobile" di Cagliari, è ricco di testimonianze del passato, monumenti e altre attrattive di carattere culturale.

Da segnalare innanzitutto le fortificazioni medievali, la cui edificazione è iniziata con la dominazione pisana ed è proseguita fino al XIX secolo. La Torre dell'Elefante e la Torre di San Pancrazio offrono magnifiche vedute sulla città, così come i vari bastioni (quello di Santa Croce, quello dello Sperone, quello di Saint Remy che ingloba con la sua monumentale scalinata ottocentesca gli antichi bastioni della zecca e di Santa Caterina). L'ex Caserma San Carlo, nota come "ghetto degli ebrei", è attualmente adibita a spazio culturale con l'allestimento di mostre ed esposizioni temporanee.

Nel quartiere di Castello sono presenti numerosi palazzi storici tra cui il già citato Palazzo Viceregio, l'ex Palazzo di Città, il Palazzo delle Seziate, il Palazzo Arcivescovile, il Palazzo dell'Università, il Palazzo Boyl che ingloba l'antica Torre dell'Aquila. Di grande valore storico e artistico anche l'architettura religiosa: oltre alla Cattedrale, edificata dai Pisani e carica di testimonianze storiche ed elementi artistici delle epoche successive, si contano altre sei chiese: la Chiesa della Purissima, la Chiesa di Santa Lucia, la Chiesa della Madonna della Speranza e la Chiesa di Santa Maria del Monte in stile gotico aragonese, la Basilica di Santa Croce e la Chiesa di San Giuseppe Calasanzio in stile barocco.

Nel quartiere di Castello inoltre presente un moderno polo museale (la Cittadella dei Musei), costruito nell'area che precedentemente ospitava il Regio Arsenale; esso comprende il Museo Archeologico, la Pinacoteca Nazionale, la Collezione delle Cere Anatomiche "Susini" e il Museo "Cardu" di Arte Siamese.

Il quartiere di Castello è meno ricco di locali, negozi, bar e ristoranti rispetto ad altri quartieri storici come Marina e Stampace. Tuttavia negli ultimi anni la vita notturna (e non solo) del quartiere si sta ravvivando, con l'apertura di locali molto vari per target e tipologia, dai bar più "trendy" sul Bastione di Santa Croce e di Saint Remy, ai locali più rustici e "alternativi" di via Lamarmora, ai ristorantini dall'atmosfera intima. Sono inoltre presenti numerosi laboratori artistici e artigianali (pittura, scultura, restauro e lavorazione del legno) e dei negozi di antiquariato particolarmente interessanti. Particolare attenzione al negozio di antiquariato e di modernariato in Piazza Carlo Alberto, di proprietà della competente e elegante Biba. Tutto questo contribuisce al grande fascino del quartiere di Castello che, con le sue strette viuzze, le scalette e le piazzette che si insinuano tra gli antichi palazzi e si affacciano su panorami mozzafiato, costituisce uno degli scenari più suggestivi della città di Cagliari.

Cagliari: vista del quartiere di Castello con la Torre dell'Elefante (foto: Francesca Vacca)