Bonaria

La Basilica e il colle di Bonaria visti dal Terrapieno
Viale Bonaria visto dal parco sul colle
La cupola della Basilica di Bonaria
Il cimitero monumentale di Bonaria

Il quartiere di Bonaria sorge sull'omonimo colle e nei suoi immediati dintorni, nella parte sud-orientale dell'abitato di Cagliari.

Il quartiere è idealmente delimitato dalle vie Sonnino, Grazia Deledda, Pessina e della Pineta, dal Nuovo Asse Mediano di Scorrimento e, verso sud, si estende fino al mare (spiaggetta e porticciolo di Su Siccu).

La storia degli insediamenti umani nell'area di Bonaria risale a tempi remoti, come testimonia la necropoli punica rinvenuta sul colle. Tale necropoli apparteneva probabilmente a uno degli insediamenti extraurbani sorti intorno alla città di Karel (la Cagliari fenicia); fu poi riutilizzata anche dai romani e infine trasformata in cava.

Nel medioevo fu eretta alla base del colle di Bonaria la chiesa di San Bardilio, secondo i canoni dello stile romanico-pisano e gotico italiano; oggi di essa non rimane traccia, poichè in seguito all'abbandono e al degrado strutturale subì un crollo nel 1909 e fu definitivamente abbattuta 20 anni dopo.

Sulla cima del colle di Bonaria, invece, gli Aragonesi costruirono nel 1324 una cittadella fortificata che utilizzarono per l'assedio di Castel di Castro (l'attuale quartiere di Castello): essa fu per due anni la prima capitale del Regno di Sardegna. Il colle – e quindi il quartiere - di Bonaria devono il loro nome proprio agli Aragonesi, che battezzarono la località Buen Ayre (aria buona), poi italianizzato in Bonaria.

La cappella della cittadella fortificata fu poi trasformata in un santuario mariano e accanto alla chiesetta trecentesca, tuttora presente, sorse in seguito la Basilica di Nostra Signora di Bonaria. Oltre alla sua grande importanza religiosa (si tratta del principale santuario mariano della Sardegna) la Basilica di Bonaria è anche uno dei monumenti più imponenti e spettacolari non solo del quartiere ma di tutta la città di Cagliari. La sua candida facciata in pietra calcarea si staglia sulla cima del colle, rivolta verso il mare, in cima ad un'ampia e scenografica scalinata contornata da imponenti alberi di pino (non a caso utilizzata anche come scenario per spettacoli e manifestazioni di vario genere, come l'annuale sfilata di moda dedicata agli stilisti sardi). Adiacente alla Basilica sorge il convento dei frati Mercedari, nel cui chiostro è possibile visitare il museo del santuario, che conserva alcuni reperti archeologici, modellini navali, arredi sacri ed ex-voto.

Dietro la Basilica e sulle pendici del colle di Bonaria è stato inoltre realizzato un parco, piacevole e tranquilla area verde in cui si possono osservare alcune grotte facenti parte della necropoli punico-romana e da cui si gode di spettacolari panorami sulla città e sul Golfo di Cagliari.

Nel quartiere si trova inoltre l'ottocentesco cimitero monumentale di Bonaria. Sorto su una parte dell'antica necropoli, ospita le sepolture di numerosi cagliaritani illustri. I suoi viali ombreggiati da alberi secolari e ormai poco frequentati (il cimitero di Cagliari si trova ora a San Michele) sono immersi in un'atmosfera silenziosa e serena; vi possono osservare pregevoli esempi di arte funeraria, come alcune cappelle familiari e sculture opera di importanti architetti e artisti sardi (tra cui Tarquinio Sini, Dionigi Scano, Filippo Figari).

La parte più propriamente residenziale del quartiere di Bonaria si è sviluppata intorno al colle e su parte di esso, diventando una zona densamente popolata ma tranquilla ed elegante. La via che attraversa il quartiere, via Milano, un tempo era chiamata dagli abitanti di Cagliari la “Via del Mare”; attorno ad essa coesistono in armonia i pregevoli villini che dai primi del '900 iniziarono ad ospitare le residenze dell'alta borghesia cagliaritana e palazzi più popolari ma di ottima fattura, circondati da giardini e ampi spazi verdi popolati da alberi d'alto fusto (bellissima la fioritura delle jacarande a giugno e a settembre), rampicanti e fiori di ogni tipo. Grande la varietà di stili, tra cui sono riconoscibili interessanti esempi di architettura decò, neo medievale, eclettica e razionalista.

Il quartiere di Bonaria è inoltre uno dei centri economici, turistici e amministrativi di Cagliari: vi si trovano importanti sedi bancarie e assicurative, prestigiosi hotel, impianti sportivi e soprattutto il Quartiere Fieristico (Fiera Internazionale della Sardegna), che occupa un'area complessiva di 12 ettari su cui sorgono 12 padiglioni espositivi di varie dimensioni e tre strutture congressuali. Inoltre in piazza dei Centomila, proprio ai piedi della scalinata di Bonaria, si tiene ogni giovedì il mercato Campagna Amica, con la vendita diretta dal produttore al consumatore di ottimi prodotti agricoli locali provenienti dalle campagne della provincia di Cagliari.